Proteggi la fertilità del tuo terreno usando la tecnica della rotazione delle colture

Si tratta di una vecchia tecnica di giardinaggio risalente a diversi secoli fa! La rotazione delle colture era già utilizzata in epoca Maya per la coltivazione della patata.
Ti aiuta a proteggere la fertilità del tuo terreno ed evita la proliferazione di alcuni parassiti.

Infatti, coltivare piante della stessa famiglia botanica nello stesso luogo per tanti anni successivi, può comportare due grandi rischi:

  • La creazione di terreni propizi allo sviluppo di parassiti e malattie specifici di questa pianta
  • Impoverimento del suolo, poiché ogni coltura ha i suoi requisiti qualitativi e quantitativi in ​​termini di nutrienti.

A seconda delle sue esigenze, ogni famiglia di piante cercherà quindi i nutrienti in diversi strati del terreno. Alcune verdure, come carote, rape o scorzonera, ad esempio, hanno radici che scavano in profondità. Altre verdure invece, come le insalate, assimilano più sostanze nutritive dalla superficie.

La tecnica della rotazione delle colture

Per evitare che il terreno peggiori nel tempo, bisognerebbe praticare la rotazione delle colture nell'orto a seconda delle famiglie di piante. Lo scopo è di non avere la stessa famiglia di piante nello stesso luogo per un lasso di tempo superiore ai tre o quattro anni. Se, ad esempio, coltivate verdure che richiedono una grande quantità di sostanze nutritive (patate, barbabietole, zucchine, porri, cavoli, mais), dovreste in seguito coltivare verdure che arricchiranno il terreno (fagioli, piselli) o che necessitino quantità minori di nutrienti (aglio, scalogni, cipolle).

È necessario innanzitutto elencare tutte le verdure che si desidera coltivare e raggrupparle per famiglia botanica. La tabella seguente ti aiuterà a identificarle.

Una volta effettuata la selezione, è possibile pianificare la rotazione delle colture per il proprio orto. Per una rotazione delle colture ogni 4 anni, è consigliabile suddividere il proprio orto in 4 lotti di superficie uguale. Successivamente, dedicare a ciascuna delle famiglie individuate un'area dell'orto.

Il consiglio di Solabiol:

Per trarre beneficio dalla consociazione delle piante, considera la possibilità di raggruppare almeno 2 famiglie che "si piacciono" nella stessa area durante l'organizzazione della rotazione.

Alcune eccezioni

Alcune piante come ad esempio le fragole, gli asparagi o i carciofi possono anche essere coltivati nello stesso posto per diversi anni. Non sono da tenere in considerazione alla stregua delle altre piante nel programma di rotazione delle colture. Puoi ripiantare queste colture dopo un certo numero di anni e aspettare prima di ripiantarle nello stesso posto. Il numero di anni di attesa necessari dipende dal tipo di pianta: 
 

  • Gli asparagi non possono essere coltivati per più di 8 anni nella stessa posizione e si dovrebbe aspettare almeno 5 anni prima di ripiantarli nello stesso luogo.
  • I carciofi andrebbero spostati dopo 3 o 4 anni.
  • Le fragole dovrebbero essere spostate dopo 3 anni e bisognerebbe aspettare 5 anni prima di ripiantarle nello stesso posto.