La semina del prato

L'impianto del tappeto erboso

Prima di eseguire la semina di un prato, è necessario preparare il terreno con opportuni interventi colturali. Occorre, come prima cosa, predisporre l’impianto d’irrigazione: un valido e ormai insostituibile aiuto per bagnare costantemente il prato anche in nostra assenza. Effettuare un’aratura superficiale, o una vangatura, per rendere il terreno più sciolto ed omogeneo, sminuzzando le zolle di terreno più dure e grosse e asportando sassi e ogni altro residuo grossolano. Eliminare inoltre le erbe infestanti, aiutandosi con una lavorazione periodica del terreno.

Se necessario, intervenire con opportuni prodotti diserbanti. Incorporare al terreno un concime specifico per manti erbosi: eseguire una concimazione di base con Solabiol Tappeto Erboso (4 Kg di prodotto per 100 m2 ) per garantire una buona partenza. La semina può essere effettuata in autunno o in primavera.

È bene seminare in autunno le specie che prediligono climi freschi, facendo intercorrere tra la semina e i primi geli almeno 4-6 settimane; mentre occorre seminare in primavera le specie che prediligono temperature elevate. Per una semina ottimale, spargere uniformemente i semi e coprirli rastrellando leggermente il terreno o distribuendo un leggero strato di terriccio o di torba: infine, pressare il terreno e irrigare.