Plant (IT)

Nutrizione

Protezione

Scopri di più su Erica

Genere: Ericacee – Famiglia: Erica arborea

Origine

L’erica è una pianta erbacea di dimensioni variabili, le specie maggiormente conosciute sono di dimensioni contenute, circa 30 cm, ma le specie più alte possono raggiungere anche 6-7 m.
Sono piante sempreverdi e con foglie piccole, aghiformi, le cui fioriture sono abbondanti e spesso molto scenografiche.
Esistono quasi 700 specie di eriche molte delle quali sono endemiche del Sudafrica. 
È una pianta che cresce spontanea nel sottobosco, predilige terreni con ph acido e freschi.

Come coltivare

L’ erica è una pianta che può donare grandi soddisfazioni, non richiede particolari cure data la sua rusticità e le fioriture sono ricche ed eleganti.
Il sito migliore da scegliere è un ambiente arieggiato e fresco, ama la luce ma non quella diretta del sole e non tollera suoli calcarei. Il rinvaso va fatto in primavera solo nel caso in cui ci sia sufficiente spazio per le radici.
L’erica preferisce un terreno acido e ben drenato. Potete usare terreno per piante acidofile normalmente disponibile in commercio o torba di sfagno.
Il terreno va mantenuto umido ma è importante la qualità dell’acqua utilizzata che non deve essere calcarea.
Per rendere i colori più vivaci e le fioriture più abbondanti utilizza Solabiol concime piante fiorite con tecnologia Natural Booster. La temperatura per avere fioriture durature è compresa tra i 7°C ed i 15°C.
Le fioriture sono molto colorate e variano dal magenta al bianco, passando dal porpora, al rosa.
L’erica si moltiplica per talea ad inizio primavera o al termine dell’estate, si tagliano rami lunghi circa 5 cm e si mettono in vasi con della torba umida miscelata a sabbia grossolana. Si deve mantenere il terriccio e la talea umida nebulizzando spesso con acqua. Alla comparsa de i primi germogli si deve collocare il vaso dove c’è più luce.
Quando le talee si sono ben radicate si procede al trapianto nel vaso definitivo.
La moltiplicazione può avvenire anche per divisione dei cespi in autunno.

Curiosità

L’erica nell’antichità era considerata una pianta magica, per questo motivo veniva utilizzata per costruire le scope utilizzate per la pulizia dei templi degli dei.
Questa tradizione è arrivata fino a oggi e si crede che gli ambienti puliti con scope di erica vengano purificati dalle energie negative così come bruciare dell’erica essiccata tenga lontani gli spiriti maligni.

Avversità

Seppure sia una pianta abbastanza rustica molte specie di Erica possono essere colpite da parassiti, tra questi: