Come scegliere e curare la Stella di Natale

Come scegliere e curare la Stella di Natale

La Stella di Natale, o Poinsettia, è uno dei regali più classici che possiate ricevere o donare durante le festività natalizie. E' importante scegliere una pianta di buona qualità; le foglie devono essere turgide e di un bel verde intenso; prendendo in mano il vaso e dandogli un leggero colpo lateralmente le foglie non devono cadere. Anche i fiori sono un importante indicatore per capire se la pianta è di buona qualità.

Quelli che comunemente siamo abituati a considerare i fiori, in realtà, sono le foglie, dette brattee, che assumono il tipico colore rosso acceso. I veri fiori  della Stella di Natale sono quei minuscoli boccioli giallastri che si trovano al centro delle brattee rosse. Se si nota del polline sopra i fiori allora la Stella di Natale è già fiorita e presto perderà anche le belle brattee rosse. Anche la temperatura alla quale la pianta è stata conservata determinerà la durata della fioritura, quindi è sconsigliabile scegliere piante che sono state tenute al freddo (sotto i 15 °C) o che sono state state irrigate troppo o troppo poco.

Fiori e brattee di Poinsettia
Fiori e brattee di Poinsettia

Quali cure colturali  riservare alla Poinsettia dopo le feste.

Fino al termine dell’inverno sistemate la Stella di Natale in un ambiente luminoso con temperature comprese tra i 15 °C e i 21 °C, tenendola a debita distanza da fonti di calore e da correnti d’aria.
Bagnatela con costanza ogni volta che lo strato superficiale del suolo inizia a asciugarsi, così che il terreno possa essere sempre moderatamente umido.
A fine inverno questa pianta da interno inizia a perdere le foglie, potate gli steli tagliandoli a 15 cm da terra.

Svolgete questa operazione indossando dei guanti, il lattice che fuoriesce dai fusticini può irritare la pelle. Successivamente ripulite i tagli di potatura passandoli con un panno imbevuto d’acqua calda. Infine spostate il vaso con la Stella di Natale in un ambiente luminoso e diminuite drasticamente le annaffiature.
A primavera la pianta comincerà a vegetare, alle prime foglioline nuove rinvasatela in un vaso poco più grande di quello utilizzato in precedenza. Sistemate sul fondo del nuovo contenitore uno strato di argilla espansa e utilizzate un suolo composto da due parti di terriccio e una di sabbia.
In primavera e in estate sistematela in un luogo luminoso, evitando le esposizioni in pieno sole, e ricominciate ad annaffiarla con costanza, assicurandole le corrette concimazioni.
In autunno la Stella di Natale va posta all’interno, in un ambiente caldo in cui le temperature siano sempre superiori ai 15 °C. Ma per vederla fiorire una volta arrivato l’inverno dovrete ridurre il più possibile le annaffiature, eliminare ogni concimazione e assicurarle al massimo 8 ore di luce al giorno. Per garantirle il buio completo non esitate a ricoprire la vegetazione con un telo opaco nero.
Con queste cure colturali darete nuova vita alla vostra Stella di Natale, la più festosa e allegra tra le piante da interno.